In una lunga intervista per il Corriere dello Sport, Sinisa Mihajlovic racconta le sensazioni del finale di stagione.

Dopo la partita con la Roma ho ricevuto complimenti da Kolarov e De Rossi che mi chiedevano come avevo fatto a trasformare così la squadra, ma io mi diverto solo quando vinco. Non ho mai avuto paura, neanche un giorno, di non potercela fare, di non arrivare alla salvezza. Se anche avessimo perso con la Lazio avremmo fatto il punto decisivo con il Napoli, perchè questo è un Bologna che non molla mai. A cui non ha regalato niente nessuno. Anche il fatto di giocare lunedì non ci ha aiutato: le altre vincevano sempre e ci mettevano grande pressione e se non vincevano correvamo il rischio di essere demotivati. Per questo ci allenavamo sempre in contemporanea con le partite delle rivali. In questi tre mesi e mezzo abbiamo preparato una bella torta: ora manca la ciliegina, che sarebbe i tre punti con il Napoli per agguantare il decimo posto. Sarà molto difficile ma ci tengo e deve volerlo fortemente anche alla squadra: non solo per rimanere nella storia di questa società ma in quella del calcio italiano, perchè non ho memoria di una squadra che, con un piede e trequarti in serie B a fine gennaio, si sia poi salvata arrivando al decimo posto in classifica”.

Sezione: Rassegna stampa / Data: Gio 23 maggio 2019 alle 11:28
Autore: BN Redazione
Vedi letture
Print