Il professor Massimo Majowiecki, ideatore del progetto del nuovo Dall’Ara, in un'intervista rilasciata al Corriere di Bologna spiega il suo lavoro: "Lo stadio deve esser fatto in acciaio, soprattutto dopo la tragedia del ponte di Genova. Fincantieri è un costruttore navale molto importante: è una bella cosa che faccia questo per la città di Bologna. Lo stadio sarà in metallo, perché deve essere ‘smontabile’. Il Dall’Ara è complesso di suo perché è un impianto urbano: diventerà un ‘cantiere navale’. Sono molto soddisfatto di quest’idea progettuale. Sono di Bologna e tifo Bologna, mi trovo molto bene con la dirigenza del club. La copertura totale è una delle grandi novità. Richiesta dalla Fifa e dalla Uefa, non è stata pensata solo per riparare gli spettatori durante la partita ma anche per altre attività durante l’intera settimana. Oggi la progettazione non può limitarsi al singolo evento sportivo. Torre di Maratona? Dovevamo passarci sopra senza toccarla, quindi ci sarà un ponte che l’attraversa. Sarà una sorta di copertura trasparente che si inchinerà a questo simbolo del Dall’Ara”.

Sezione: News / Data: Ven 05 giugno 2020 alle 11:36
Autore: Antonio Ferrantino
Vedi letture
Print