REPUBBLICA - Fogli: "Cervellati aveva il Bologna nel cuore. Era una bandiera, tutti lo adoravano"

15.04.2018 09:01 di BN Redazione articolo letto 244 volte
Fonte: Repubblica

Romano Fogli, ex giocatore rossoblù dello storico scudetto del '64 sulle pagine di Repubblica ricorda Cesarino Cervellati grande ala destra del Bologna e vice di Bernardini nell'anno dello scudetto scomparso venerdì all'età di 88 anni: "Cervellati aveva Il Bologna nel cuore. Non lo vedevo da qualche anno, del resto lui è sempre stato riservato, si vedeva poco in giro, era schivo, allo stadio non veniva, ma non per gli anni, è sempre stato così. Da giocatore era una tipica ala di una volta, piccolo, sgusciante, furbo come pochi. E con una tecnica notevole. Non per niente giocò anche in Nazionale. Era tipo Perani, ma Marino era più tamugno, lui no, però col pallone ci sapeva fare. Uno di quelli che se giocasse oggi farebbe un sacco di gol, lo dico spesso anche di Pascutti che addirittura ne segnerebbe a valanga, perché una volta i difensori ti seguivano dappertutto, prendete Facchetti con Perani nello spareggio. Da allenatore aveva molto rispetto di me, Bulgarelli, di tutti quelli con cui aveva giocato. E noi ovviamente di lui. C’era un bel rapporto. Eravamo amici. Cervellati era una bandiera, guai mai criticarlo, i tifosi lo adoravano. E non solo loro".