CARLINO - Le due facce del Bologna: la difesa adesso è un cantiere

 di BN Redazione articolo letto 120 volte
Fonte: Resto del Carlino

Il Resto del Carlino nella sua edizione odierna, analizza il momento e l'assetto tattico della squadra. Nelle ultime partite Roberto Donadoni, ormai affidatosi in pianta stabile al 4-3-3, ha schierato sempre lo stesso centrocampo e lo stesso attacco. Gli unici cambiamenti sono avvenuti in difesa reparto che, tra squalifiche e infortuni, è stato quello più stravolto e cantierizzato. Negli ultimi 270 minuti ha cambiato per ben tre volte i suoi interpreti: Krafth-Gonzalez-Helander-Masina a Verona, Mabye-Maietta-De Maio-Torosidis contro la Samp, Mbaye-Maietta-De Maio-Masina contro il Cagliari. Per il resto, terzetti confermati negli altri reparti, con il tridente d'attacco Verdi-Destro-Palacio che inizia a funzionare. A San Siro contro il Milan, la difesa potrebbe ancora cambiare mentre a centrocampo Taider prenderà il posto dello squalificato Poli.