CARLINO - Cresce il partito degli scontenti: se non rinnova Mbaye via a giugno

13.03.2018 10:22 di BN Redazione articolo letto 427 volte
Fonte: Resto del Carlino

Come sottolinea il Resto del Carlino cresce il partito degli scontenti a Casteldebole, soprattutto per quella che è la gestione della rosa da parte di Roberto Donadoni. Masina ha rinviato il discorso rinnovo a fine stagione e l’ipotesi di un suo addio a fine stagione diventa sempre più concreta. L’agente di Donsah ha chiuso le porte a ipotesi di rinnovo in autunno, rinviando pure lui ogni discorso all’estate, Krafth aveva chiesto la cessione a dicembre e adesso anche dall’entourage di Ibrahima Mbaye arrivano segnali di frenata sul rinnovo. Sono diversi i dubbi sull’opportunità di prolungare il contratto dopo che Mbaye è finito in panchina nell'ultimo mese. Con la panchina, Mbaye perde la speranza di andare ai mondiali con il suo Senegal, cosa che lo valorizzerebbe da un punto di vista patrimoniale. Soprattutto l’entourage del calciatore torna ad avere la sensazione che il calciatore non sia ritenuto importante. Con il contratto in scadenza nel 2019, senza rinnovo, in estate il Bologna si vedrebbe costretto a vendere il terzino per non perderlo a parametro zero l’anno successivo.