Le pagelle di Torino-Bologna: Palacio strepitoso, Pulgar cecchino

16.03.2019 22:50 di Luca Nigro   Vedi letture

Skorupski 6,5 - Due interventi decisivi su Rincon e Belotti che evitano al Torino di rimettersi in partita. Attento sui tiri dalla distanza. Sulle uscite dà sempre sicurezza, sul gol granata viene beffato dalla deviazione di Pulgar. Ha delle colpe sulla rete di Izzo che riapre la partita. Unica macchia di una grande gara.

Mbaye 6,5 - Nel primo tempo è bravo a tenere a bada Ola Aina, nella ripresa contiene senza sbavature Berenguer.

Danilo 7 - Se Belotti non la vede quasi mai è soprattutto merito suo.

Lyanco 6,5 - Contro la sua ex squadra gioca una gara di grande personalità. Nel primo tempo esce spesso palla al piede con eleganza, impostando e diventando di fatto un centrocampista aggiunto. Nella ripresa contiene ottimamente gli avanti granata. L'ingenuità a 3' dalla fine che gli costa l'espulsione, gli vale mezzo punto in meno.

Dijks 6,5 -  Prima frazione autoritaria, Ansaldi spesso lo soffre. In trincea nella seconda parte. 

Dzemaili 6 - Gioca la sua terza partita consecutiva da titolare ma deve lasciare il campo ben presto per un problema muscolare. Fin quando rimane in campo svolge bene il compito. Dal 22' Poli 7 - Al secondo pallone toccato la mette dentro di testa per il suo terzo gol stagionale. Questo stavolta è di quelli pesanti. Per il resto fa legna in mezzo. 

Pulgar 7 - Secondo rigore consecutivo realizzato con una freddezza glaciale che permette al Bologna di attivare la freccia del sorpasso. Regia perfetta, dai sui piedi parte l'azione del pareggio. Metronomo ma soprattutto cecchino.

Orsolini 7 - Pronti via ha sul sinistro la palla del vantaggio ma Sirigu gli nega la gioia del gol. E' fondamentale nel costruire l'azione del pareggio di Poli mettendo fuori causa Ola Aina, freddo nel concludere la ripartenza che porta alla rete della vittoria. Dall'86' Mattiello s.v. - Nella mischia finale a difendere la preziosa vittoria.

Soriano 7 - Galleggia tra la linea di metà campo e la trequarti, Bravo in rifinitura, fondamentale in fase di non possesso. Ha il grande merito di rubare palla a Rincon e dare il là alla terza rete rossoblù. 

Sansone 6,5 - E' costretto spesso a ripiegare per far fronte alle folate di Ansaldi, dal suo destro nasce il corner del rigore. Segna poco prima di Orsolini ma il suo gol è annullato dal Var per un millimetrico fuorigioco. Dall'81' Svanberg s.v. - Si sistema alto a sinsitra: per Mihajlovic è più un trequarti che interno.

Palacio 9 - A 37 anni suonati Rodrigo sciorina una prova pressoche perfetta. Fa ammattire i centrali granata muovendosi su tutto il fronte d'attacco, regala due assist (tre se si considera la giocata monumentale sul gol annullato a Sansone) e conquista una miriade di falli. Fa espellere Ola Aina, gli manca solo il gol. Strepitoso.

Mihajlovic 8 - In un mese e mezzo ha cambiato totalmente volto al Bologna. Dieci punti in sette partite sono tanta roba rivendendo il film dell'andata. Vincere sul campo del suo ex Torino non è da tutti e la seconda vittoria consecutiva è di quelle fondamentali. Ripensando alle partite contro Roma e Juventus sale un pò di rammarico. In 40 giorni la sua squadra ha sbagliato appena il secondo tempo di Udine, continuando così la salvezza è possibile.