Bigon: "Restiamo con i piedi per terra. Nessuna scadenza per Donsah e Masina"

 di Marco Vigarani articolo letto 341 volte

A margine dell'inagurazione di un nuovo campo artificiale a Casteldebole, ha parlato il ds Riccardo Bigon che ha spiegato: "L'avvio della nostra stagione magari autorizza la città e i tifosi a sognare ma non noi che abbiamo il dovere di stare con i piedi per terra e l'onere di trovare sempre qualcosa da migliorare. Non è cambiato nulla di particolare se non quello che dicevamo l'anno scorso quando professavamo pazienza e continuità: oggi abbiamo giocatori più esperti e maturi ed uno staff tecnico che riesce a trasferire sempre meglio i proprio concetti. Una squadra di calcio è una creatura che cresce e si sviluppa. Chi non gioca è giusto che non sia contento ma è meglio non giocare in una squadra che va bene piuttosto che in una che va male: se la squadra continuerà a fare bene, ci sarà spazio anche per altri ragazzi. Verdi? Una partita da titolare con l'Italia penso che sia sempre una cosa positiva, non può essere deluso di questo momento della sua vita calcistica. È tornato carico ed è consapevole di dover fare bene con il Bologna per convincere Ventura. La nostra agenda prevede sempre confronti, ma non ho scadenze per quanto riguarda Masina e Donsah. La sfida contro la Spal? Il loro entusiasmo è un aspetto che ci complicherà la vita".